Axe-Fx User Inside

 

 logo

 

Andrea Puxeddu è un giovane chitarrista dalla bellissima Sardegna. Alcuni dei suoi video hanno fatto parte della nostra selezione di Video della Settimana: ognuno di essi mostra il suo talento come chitarrista ma anche come poter ottenere un grande suono con l'Axe-Fx II. COn questa intervista cerchiamo di conoscerlo un po di più e capire come il suo modo di suonare è cambiato da quando ha l'Axe-Fx II.

Per prima cosa permettimi di congratularmi con te per i tuoi video su YouTube. Ci sono molte informazioni su come ottenere un buon suono con l'Axe-Fx II. Raccontaci un po di te. Come hai iniziato? Quali band e chitarristi hanno influenzato maggiormente il tuo stile chitarristico ed il tuo suono?

"Ho iniziato a suonare la chitarra tanto tempo fa, quando avevo circa 6 anni. Andai a sentire un Concerto di mio fratello Davide, poco più grande di me, che esordiva come solista con la sua Tastiera. In quell'occasione vidi un chitarrista suonare un pezzo di Joe Satriani “Always with me Always with you”. Rimasi incantato da ciò che sentivo, è un emozione che dopo 21 anni ricordo ancora fortemente. Il giorno stesso, al rientro a casa, chiesi a mio padre che avrei voluto imparare a suonare come quel ragazzo. Da quel giorno la chitarra fa parte di me, e ora eccomi qui dopo tanti anni..

Le mie influenze sono tantissime, sin da piccolo restavo ore e ore ad ascoltare i Pink Floyd, Queen, e i Guns'n Roses. Poi arrivarono i Dream Theater. Ma è Steve Vai il chitarrista che mi influenza di più, lo adoro.
Ricordo che mi regalarono il Dvd del G3 con Steve, Satriani e Malmsteen e ogni giorno prima di andare a scuola lo guardavo, tutt'ora so a memoria tutto il concerto."

Dove hai studiato musica / chitarra e in quali band hai suonato?

"Iniziai a suonare la chitarra a 6 anni, avevo tanta voglia di diventare come i miei Idoli, son partito con la Chitarra Classica con vari Maestri. Dopo qualche anno iniziai a studiare al Conservatorio di Musica di Cagliari dove mi diplomai col massimo dei Voti. Nel mentre prendevo lezioni di Chitarra Elettrica da Brian Maillard a cui devo tutta la mia preparazione su questo strumento, passavo ore e ore a studiare i pezzi di Steve Vai e Satriani. Sin da piccolo ho sempre suonato come solista utilizzando tutte le chitarre, dalla classica all'elettrica. Ricordo ancora il mio primo vero Concerto da Solista in teatro all'eta di 11 anni.

Da circa 7 anni è iniziata anche la mia carriera come insegnante, prima con Privati poi nelle Scuole. Da allora sono Docente di Chitarra in varie Scuole di Musica della Sardegna..

Ho collaborato con varie Band di cui ricordo “Atha”, con cui suonavo nelle piazze inediti Pop Rock, e Ars Sonorum con cui collaboro ancora. Suono anche in un Duo, “RA duo” con pezzi inediti e arrangiamenti per chitarra classica acustica ed elettrica. La Sardegna è molto piccola, ma è ricca di ottimi Musicisti con cui suonare e crescere artisticamente. Il mio attuale progetto Solista si chiama “Guitar Styles” dove suono con 3 chitarre sia Cover che vanno da Mike Dawes a Steve Vai, sia brani miei. Con Ars Sonorum stiamo lavorando sul primo Concept Album, che spero a breve di ultimare"

Il mondo Fractal Audio: dove e quando hai sentito parlare per la prima volta dell'Axe-Fx?

"Conosco Fractal Audio da parecchio tempo, fin dal primo modello, l'Axe Fx standard, tramite internet, blog, forum e vari video che si possono comunemente trovare sul web. Tutti parlavano di questa macchina come una meraviglia della tecnologia. Quindi decisi di comprarlo, all'epoca c'era il modello Ultra, ma Fractal Audio aveva annunciato l'uscita della versione II a breve e decisi di attendere. Alla fine lo acquistai e da allora ha cambiato totalmente il mio mondo. Dopo 3 anni di uso sia Live che Studio non ho mai avuto un problema, quasi non ricordo più come suonava il mio vecchio set up. L'Axe Fx è una Macchina solida, ben costruita, facile da usare e dalla resa sonora pazzesca. Inoltre l'affidabilità che ha ti da tanta sicurezza. Vado a fare i miei Live molto rilassato perchè so che tutto funzionerà alla perfezione. Ho lo stesso feeling che avevo prima con l'amplificatore Valvolare. Tutto questo è magico!!!"

Quale era la tua strumentazione precedente? 

"Prima dell'Axe Fx ho passato varie fasi, ho suonato con delle semplici pedaliere Boss, con amplificatori Combo Marshall, Fender. Ho suonato con una Testata valvolare Hughes & Kettner su una 4x12 Randall, con vari pedali, Morley, Masotti, Mesa Boogie, Mxr, Tc Electronic ecc. Avevo un processore effetti Yamaha, tutto gestito tutto da un unico controller Midi."

Quali sono le tue esperienze Live e Studio con l'Axe-Fx II?

"Il live ora è diventato molto meno stancante di prima, mentre prima dovevo trascinarmi dietro  furgone di attrezzatura, testate casse e case pieni di rack pesanti ecc ora con poco peso e dimensioni ridotte ho un Suono fantastico. Ho sempre il “MIO” suono ovunque vado, sia sul palco sia nel semplice locale. Con l'Axe Fx ho trovato finalmente il mio suono, dopo anni di ricerca tra mille ampli, pedali e casse, l'ho trovato. Ed è sempre li pronto a servirti, e sopratutto sempre uguale.

In studio le registrazioni sono facili con l'axe Fx. Basta poco per avere il suono che ti serve. Immagini e crei il suono in un attimo, come se fosse una scultura che riesci a toccare con mano, in più hai vasta scelta di effetti, Chorus avvolgenti e caldi , Delay e Riverberi con una presenza stereofonica notevole. E tanti altri effetti."

Cosa c'è nel tuo rig oggi?

"Da quando ho l'Axe Fx sto pian piano lasciando andare il vecchio ampli., perchè, come ti ho già accennato prima, il mio suono principale viene dall'Axe Fx II.

Principalmente lo uso in diretta, per ovvi motivi di comodità e gestibilità del suono. Nel mio Rack ho un Axe Fx XL, uno stabilizzatore di tensione, un Looper Masotti dal quale piloto i miei pedali, Dyna Comp Mxr, una White Box Masotti un Flux Drive Mesa Boogie, un OD box Masotti, un Tube Driver BK Butler.

Ho anche una MFC 101 Mark III che pilota tutto il sistema tramite il comodissimo cavo XLR attraverso la porta Faslink che a mio parere e un Idea fantastica. Molto più affidabile e resistente del Midi. Con un comune cavo XLR la pedaliera comunica con l'Axe Fx e viceversa senza alimentatori e altre connessioni che, a lungo andare, danno solo problemi. Tutto questo con un unico cavo, è davvero fantastico!!

Ho diverse chitarre, la Ibanez JPM p1 è la mia preferita, ho una Strato e una Washburn. Infine, spero a breve, avrò la mia Chitarra Signature, prodotta dall'amico Sergio, Liutaio molto in gamba e dal gusto assai raffinato. Non posso darvi altri anticipi al momento."

Quali sono le tue simulazioni di amplificatore preferite (o di ampli + cassa) nell'Axe-Fx II?

"Per i crunch e lead il mio AMP + CAB preferito è USA LEAD 2 con cassa Recto Mix Ultra Hi res, che ho avuto modo di sperimentare con l'uscita del Firmware 15. Con questa coppia ottengo un suono caldo ma tagliente quando serve e sempre presente e molto dinamico. Riesco ad avere un feeling pazzesco. Per i clean uso spesso Double Verb con Cab 2x12, e Usa Clean. Adoro anche il Friedman. Spesso uso gli Amp Euro, hanno una pasta sonora notevole."

Da dove parti per creare un patch?

"Sono molto esigente per quanto riguarda il suono, ma con l'Axe Fx riesco con pochi click aottenere ciò che cerco in poco tempo. Solitamente, attraverso l'Axe edit parto da un preset vuoto.Da li seleziono AMP e CAB e spesso senza agire su alcun parametro ottengo già il suono che mi serve. E da li lo condisco con l'effetto o gli effetti che mi servono, in base alle esigenze del suono che ho in testa. Adoro le simulazioni degli Overdrive quali il BB pre, e il Tube Driver, che spesso utilizzo per i miei crunch.

  Altre volte mi capita invece di frugare fra i preset e cambiare ad esempio la sim della sezione Amp e da li trovare il suono che mi serve. La cosa che più mi piace è che posso usare ad esempio delay, riverberi e altri effetti di ritardo con estrema precisione. Tutto questo senza mai nascondere il mio suono.

Adoro lavorare con la Stereofonia, sopratutto con l'effetto Enhancer, che da più presenza stereofonica al suono. Lavorandoci bene ottieni suoni con un ambiente pazzesco.

Suonando in vari progetti ho la necessità di avere tanti suoni diversi e l'Axe Fx ha facilitato il tutto. Uso molto spesso la funzione “Scene” e la funzione “X/Y”. Queste 2 funzioni mi permettono di avere il doppio della versatilità e funzionalità, ottengo suoni molto diversi senza dover cambiare preset. In più con l'MFC ho il vantaggio di non dover più programmare la pedaliera per ad esempio assegnare il Bypass agli effetti per quel preset, fa tutto lei per me. L'unica cosa che devo fare, è programmare le mie Song con i vari preset che mi occorrono, e infine ordinarle nei Set in base a Scaletta e Progetto. Tutto ciò è davvero comodo in Live perchè mi basta andare avanti con il tasto Bank Up per andare alla canzone successiva. Semplice, veloce e comodo."

Hai citato le funzioni Song e Set, come le usi nel dettaglio?

"Assolutamente si, trovo queste funzioni molto utili e vantaggiose per il Live, sopratutto se hai diversi progetti, con differenti Generi Musicali e quindi differenti preset da utilizzare. Spesso mi capitava, con altre macchine, di dover saltare parecchi banchi per trovare il mio preset. Con queste funzioni mi basta andare sempre avanti. Ho la mia Scaletta sempre pronta, avendo vari progetti poi mi basta cambiare Set e ho sempre tutto pronto e funzionante. In più hai tanta memoria per memorizzare le tue song. Consiglio questa funzione a tutti gli amici che usano la MFC."

Andrea Guitar Clinic

Hai provato la funzione Tone Match o Scene?

"Ho provato il Tone Match sulla chitarra acustica e lo trovo davvero fantastico. Le scene sono molto comode, posso avere un cambio di 10 effetti ad esempio in un unico click sulla pedaliera, senza avere ritardi o silenzi. Meraviglioso.."

C'è qualcosa che secondo te manca all'Axe-Fx II?

"Direi che l'Axe Fx è abbastanza completo. Sarebbe fantastico, a mio avviso, una porta Usb in modo da avere la possibilità di salvare i preset, su un supporto Usb portatile. Ma sono certo che presto arriverà anche questo."

Come descriveresti l'Axe-Fx II con una sola parola?

"Una parola? Domanda molto difficile Diego. Direi che la parola che sto cercando sia“AXE FX”, in realtà son due parole, ma essendo un nome possiamo dire che si tratta di una parola sola. A mio parere non c'è una parola sola per definire questa macchina. L'Axe Fx è l'Axe Fx."

Quali sono i tuoi progetti futuri?

"Per il momento sto lavorando al Consept Album con Ars Sonorum, fatto questo inizierò a lavorare sul mio Album solista. Ho intenzione di continuare con le mie Clinic dove l'Axe Fx è l'assoluto protagonista. E poi chissà cosa riserverà il futuro."

Noi di G66 vorremmo ringraziarti, Andrea, per il tempo che ci hai concesso e per questa intervista. Continueremo a seguire i tuoi video e le tue clinics sulle nostre pagine.

"Voglio ringraziare te Diego per questa intervista e tutto lo Staff di G66 per aver pubblicato i miei video nella sezione “Videos of the Week” nel sito G66.eu. Grazie per tutto il supporto e per la cortesia. Grazie G66."

La Clinic di Andrea Puxxeddu sull'Axe-Fx II

banner

PROGRAMMA (Fiera del Tappeto): 

  • Come creare un Suono
  • Catena Effetti, quali usare e come usarli
  • Tutto sull'Axe Fx II
  • Programmazione MIDI
  • Programmazione patch
  • Using the Scene controll
  • Accessori e loro utilizzo: plettri, cavi, custodie, ecc…
  • Segnale Seriale o Parallelo
  • Utilizzo dei pedali e come disporli
  • Axe Edit
  • Jam Session dei Partecipanti

Durante la Clinic i partecipanti potranno provare e/o fare domande su ogni argomento.
Verranno eseguiti diversi brani, in diversi generi.
Verranno consegnati gli Attestati di Partecipazione.

Ingresso 15 euro. Apertura teatro dalle ore 17:00. 

youtube bandfacebook

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.