Panorama

 

LA STORIA DEL RIVERBERO, OVVERO 
COSACENTRAL’AXE-FX CON 
LEXICON E BRICASTI

 

hall

INCREDIBILMENTE PERFETTO 
Nella versione 16.03 del Firmware l’algoritmo che descrive il riverbero è stato ancora una volta stravolto – infatti è stato rivisto così in profondità e allo stesso tempo in modo così eccezionale da meritarsi un articolo tutto suo.

A TU PER TU CON I MIGLIORI AL MONDO 
Ora, nessuno vuole insinuare che il riverbero che usavamo fino a poco fa non fosse già ottimo. Di sicuro apparteneva all’élite che il mercato può offrire ed era al top nei confronti di qualsiasi altro processore per chitarra che potreste nominare. E ora questo affidabile e rodato riverbero rimane nel nuovo Blocco Reverb con il nome ‘Normal Mode’. Ma dovunque c’è luce a volte ci può essere ancora più luce e questo è esattamente quello che è accaduto dal momento che il nuovo Reverb ora può funzionare in una modalità chiamata ‘High Definition’. Questo comporta un leggero aumento nell’uso della CPU, ma i risultati gli danno ragione. Giusto per chiarire il livello di qualità del quale stiamo parlando dobbiamo scomodare alcuni mostri sacri mondiali del settore specifico.

plate

TRUCCHI PER SIMULARE L’ACUSTICA
Ma perché ci serve il riverbero? In parole semplici e concise: i microfoni hanno un marcato effetto prossimità, intendendo con questo il fatto che registrano i suoni più vicini con un livello maggiore rispetto a quelli più lontani. Per questo motivo, gran parte dell’acustica naturale della stanza viene persa durante la registrazione con il risultato che il suono risulta piatto e abbastanza innaturale. Questa limitazione fisica dei microfoni rende necessario cercare un modo alternativo per riprodurre artificialmente l’acustica della stanza che viene inevitabilmente persa.

I PLATE REVERB E LE ECHO CHAMBERS
All’inizio questo problema venne risolto con l’uso di “opportune” stanze riverberanti o echo chambers, che sfortunatamente però non solo erano molto costose ma richiedevano anche un sacco di spazio. Le unità plate reverb divennero quindi popolari anche se abbastanza voluminose dal momento che approssimavano la riproduzione naturale dell’acustica di una stanza. Giusto per completezza dobbiamo citare anche le unità analogiche per la riproduzione dell’echo ed del riverbero.

quantec

QUANTEC ROOM ACOUSTICS 
Nel lontano 1982 fece la sua comparsa sulla scena una nuova unità digitale. Era il Quantec Room Simulator e, sebbene ancora enormemente costoso, era però più semplice da trasportare di una stanza in cemento e mattoni. Ed il risultato che offriva era così eccezionale che molti dei grossi artisti dell’epoca cominciarono rapidamente ad utilizzarlo, fino a Mike Oldfield che gli concesse di essere presente nei credits sulle copertine dei suoi album.

bricastiDAL LEXICON AL BRICASTI
Più tardi, gente come David Griesinger, apparve sulla scena con Lexicon e nuovi algoritmi che divennero popolari molto velocemente grazie alla naturalezza del loro suono. Al top del top c’è fino ad oggi Bricasti – fondata da due ex dipendenti Lexicon – con un riverbero high-end che ha trovato il suo spazio in molti dei migliori studi al mondo.

FRACTAL L’HA FATTO ANCORA
FA logoE ora, grazie al suo nuovo blocco Reverb, l’Axe-Fx II è ufficialmente entrato in questa competizione. Il confronto con un’unità riverbero specializzata potrebbe sembrare scorretta ma l’Axe-Fx II ne viene fuori davvero bene, anche nei confronti di queste marche osannate. E quando pensate che per il prezzo dell’unità di riferimento, che si limita al riverbero, voi potreste avere un Axe-Fx II, con tutte le altre fantastiche cose quali ad esempio la simulazione senza precedenti di cassa acustica e un’infinità di altri effetti di primissima qualità, oltre al MFC-101 e vi avanzerebbero ancora soldi per cenare con i vostri compagni di band in alcuni ristoranti della guida Michelin, beh non vi sembra fantastico?

SI ANCORA
Ad ogni modo, noi sia sicuramente più che felici che il miglior Axe-Fx II di sempre sia diventato nuovamente ancora meglio

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.